AdB Puglia – Decennale Attività Istituzionale

Si è svolto lunedì 23 marzo, a Bari, il convegno celebrativo del “decennale dell’attività istituzionale” (2004/2014) dell’Autorità di bacino della Puglia, con l’esposizione dei risultati finora raggiunti nel settore della difesa del suolo, che ha registrato una folta partecipazione di rappresentanti istituzionali ed operatori del settore.

Il Segretario generale dell’Autorità, prof. Antonio Di Santo, ha sviluppato una interessante e documentata riflessione sul lavoro svolto nel settore idrologico-idraulico, geologico e della difesa costiera, nei vari ambiti regionali, con riferimento alle peculiari problematiche dell’articolato e complesso territorio pugliese. Il prof. Di Santo ha approfondito gli aspetti tecnici delle linee programmatiche della difesa idreogeologica nella prospettiva di crescita della “giovane” Autorità di bacino pugliese le cui coraggiose scelte del 2004-05 trovarono immediato riscontro negli eventi alluvionali dell’autunno dello stesso anno 2005.

Tali linee sono state pienamente condivise dal Presidente del Consiglio Regionale Onofrio Introna e dal Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, che hanno sottolineato l’importanza dell’azione finora svolta dall’Autorità di bacino per la tutela ambientale e territoriale, anche rispetto al verificarsi di eventi idrogeologici, mediante la valorizzazione di competenze e risorse professionali interne alla struttura consolidate ed accresciutesi nel tempo.

Sono intervenuti, subito dopo, i segretari generali dell’Autorità di bacino della Campania Centrale, avv. Stefano Sorvino, e della Basilicata, ing. Antonio Anatrone, che hanno posto in risalto la proficua e stimolante collaborazione tra le Autorità di bacino regionali dell’Italia meridionale già da tempo in atto, su vari temi. In particolare l’avv. Sorvino ha evidenziato lo stato di avanzamento delle attività di pianificazione, controllo e monitoraggio svolte  in Campania nell’ultimo quindicennio, nel settore della prevenzione del rischio, soprattutto attraverso la maturazione delle conoscenze tecnico-scientifiche ed al continuo aggiornamento dei piani stralcio di bacino raggiungendo un riconosciuto risultato di notevole livello qualitativo in ambito nazionale.

Si è infine effettuata una disamina sulle tematiche relative all’attuazione dei Distretti idrografici di cui al D.Lgs. 152/06 (artt. 63 e 64) – di recepimento della Direttiva Europea 2000/60/CE – e della necessità di salvaguardare il proficuo lavoro svolto dalle Autorità di Bacino in questi anni.

Comments are closed